blog

Quando Pippi è riapparsa, a testa in giù, alla nostra finestra e perchè più Spunk per tutti.

Pippi Calzelunghe. Ve la ricordate? magrolina e fortissima, allegra, ironica, fantasiosa, ricchissima. Audace, generosa. Furba e nemmeno troppo ribelle, semplicemente se stessa, fatta e finita. La bambina che non si fa dire dagli adulti cosa deve fare, come dovrebbe essere. Che con una sonora pernacchia chiude la questione e torna a fare quello che le va.

Pippi è riapparsa alla nostra finestra, ovviamente a testa in giù, in un freddo pomeriggio di dicembre. Ci serviva assolutamente un nome da dare alla cosa che ci stavamo inventando, ma non riuscivamo proprio a trovarlo. Da brava cercacose qual è ecco che Pippi, passando di lì per caso per una sua missione ci fa ” mica avrete trovato uno Spunk?”. Non vi dico lo spavento. Non capita tutti i giorni di vederla affacciarsi alla finestra con le trecce penzoloni!

Fatto sta che passata la paura e trovato il nome, trovata la cosa che stavamo pensando, lo Spunk, o almeno così sembra, Pippi è rimasta per un po’, ha distribuito pepite di saggezza come fossero il suo oro, sgranocchiato dolciumi coi suoi denti aguzzi e con una pacca sulla spalla ed una piroetta è ripartita, lasciandoci testimoni e ambasciatori di quella curiosità sopraffina che la fa andare per il mondo. Perché in fondo “Finché il cuore è caldo e fa tic-tac come si deve, non c’è pericolo di gelare!”

Curiosità. è questo che senza troppe pretese c’ha insegnato. Creatività. Ad ogni costo, il più possibile, ogni volta un gradino in più, come cavalli selvaggi. Creativi, come segugi. Curiosi, come scimmie affamate.

Mi è capitato, mentre raccontavo ad una mamma di Pippi e dello Spunk, di sentirmi dire “non è proprio un bell’esempio Pippi Calzelunghe!”. Mi sono immaginata la sua faccia ad un’affermazione simile, la sua reazione esilarante e pura, soprattutto. Pippi Calzelughe è una bambina generosissima, coraggiosa, sveglia, amorevole, indipendente. Buffa certo, ed irrispettosa e contraria agli abusi, agli ordini, alla noia! è insieme a lei, come lei, che noi vogliamo provare a fare. Il modo in cui c’ha spiegato cosa significa giocare. Il modo, anche, in cui c’ha spiegato cosa significa vivere allegramente. Curiosità. Creatività. Che paura e come è difficile. Così sembra. Eppure non lo è. Non lo è per Pippi, vivere la vita come lei vuole. E non crediate…Pippi è reale gente! Non è solo il personaggio fortissimo di un romanzo. Non è solo la bambinetta lingualunga di un film!

Pippi è possibile! Cercatela, scovatela. Dentro il buco che c’è nell’albero, su una barca sgangherata in mezzo a un lago, appesa ai travi del soffitto o anche semplicemente dappertutto! è uno stile di vita, ne esistono tanti. Questo si chiama Spunk.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...